venerdì 29 novembre 2013

Noi diciamo NO ai nazifascisti all'Esquilino

0 commenti

COMUNICATO STAMPA

La Sezione ANPI Don Pappagallo "Esquilino-Monti-Celio"

il Circolo Rifondazione Comunista M. Zevi "Monti-Esquilino-Celio"

il Circolo PD Esquilino


dichiarano la loro indignazione e ferma condanna per l'incontro previsto per il 29 novembre nel loro rione presso la sede di Casapound Italia con due esponenti di Alba Dorata, nota formazione neonazista greca fuorilegge.
Ricordano che il rione Esquilino è democratico, antifascista e ancora porta i segni delle nefandezze nazifasciste come testimoniano il Museo della Liberazione e le tante targhe commemorative di chi ha dato la vita per la libertà e la democrazia.
Tutte le antifasciste e tutti gli antifascisti dell'Esquilino non possono accettare la presenza di questi personaggi, nè tantomeno la può accettare la città di Roma medaglia d'oro della Resistenza.

mercoledì 27 novembre 2013

Ciao, Partigiano Raimondo

0 commenti

Ci ha lasciato un grande Partigiano, Raimondo Ricci. Che abbiamo avuto il piacere e l'onore di aver conosciuto personalmente. Ieri sera a 92 anni.

Storico, avvocato ed esponente del Pci. La camera ardente sarà allestita domani dalle 8 alle 12 in Provincia, in largo Lanfranco. Poi sarà sepolto a Imperia. L’orazione funebre sarà tenuta domani dal presidente Isrec Giacomo Ronzitti.

Dopo l’armistizio fu arrestato dalla Guardia Nazionale Repubblicana. Incarcerato e poi consegnato alla Gestapo, venne deportato nel lager di Mauthausen. Rientrato in Italia, fu Consigliere comunale e presidente dell’ANPI Provinciale di Genova dal 1969. Fu tra i più attivi durante le grandi manifestazioni di Genova nel 1960.

Eletto al Parlamento nel 1976 per il PCI, venne rieletto nella legislatura successiva. È stato presidente nazionale dell’ANPI fino al 16 aprile 2011, giorno in cui gli è succeduto Carlo Smuraglia. Era presidente dell’Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea.

Ciao, Partigiano Raimondo.

Marco Foroni
Segretario Sezione ANPI "don Pappagallo" Esquilino-Monti-Celio

domenica 17 novembre 2013

Presidio a Montecitorio. La Costituzione non si tocca!

0 commenti

L’ANPI di Roma e del Lazio, è con tutti i cittadini democratici e antifascisti in un presidio di protesta

Il 10 dicembre dalle ore 14.00 e l’11 dicembre dalle ore 8.00,
in Piazza di Montecitorio, davanti la Camera dei Deputati



La difesa della Costituzione è uno dei compiti più importanti che la Storia abbia assegnato all’ANPI, sancito dallo Statuto e ribadito nel Documento politico approvato dal Congresso.
L’ANPI esprime una posizione di netta contrarietà ad ogni modifica dell’Art. 138 della Costituzione, come alle progettate riforme ove non fossero in coerenza con i princìpi della prima parte della Costituzione e con la stessa concezione che è alla base della struttura fondamentale della seconda.

Netta è anche la contrarietà ai comitati di “saggi” costituiti all’esterno del Parlamento.

L’ANPI chiama a raccolta i democratici e gli antifascisti in nome della Costituzione nata dalla resistenza, essa va difesa da ogni attacco e da ogni tentativo di apportare modifiche che non siano coerenti con la propria funzione originaria.
Dobbiamo adoperarci perché resista ancora e sempre, come l’unico faro capace di guidarci verso la costruzione di una vera cultura della democrazia e della legalità, perché questo nostro Stato ancora troppo debole e permeabile in alcune strutture, diventi quello Stato civile, democratico e antifascista che è disegnato dalla Costituzione e che è stato sognato dai Combattenti per la libertà.

Per la Costituzione nata dalla Resistenza
Related Posts with Thumbnails

In ricordo di Walter Rossi, Roma 30 settembre