giovedì 10 giugno 2010

Ma l'idea che è in me non muore…


Oggi 10 giugno, un ricordo di Giacomo Matteotti socialista antifascista, uomo di grande coraggio. Rapito e ucciso ottantasei anni fa in Lungotevere Arnaldo da Brescia a Roma, dove siamo andati a posare un fiore. Caduto per mano dei sicari fascisti, comandati dal picchiatore assassino Arrigo Dumini.
"Ma l'idea che è in me non muore" disse Matteotti; anche le nostre non moriranno mai.
M.F.

Stampa il post

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Si diceva che la Storia non si ripete...io invece constato un effetto rotatorio e quasi ciclico dove a cambiare sono solo le esteriorità ed il contesto sociale apparentemente moderne....da quell'esperienza poco, forse, è cambiato da una Dittatura siamo passati ad una Dittatocrazia...mentre prima c'era un identificabile governante a desinenza finale in INI ora è stato amplificato in ONI....sempre transfuga malvestito almeno apparentemente da socialista ed ora leader di una Destra forse ancora peggiore perchè autoincensatasi di democrazia!

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails

In ricordo di Walter Rossi, Roma 30 settembre